Cibo e innovazione a Torino

in RAPPORT0 2017 by

Il territorio Torinese, soprattutto negli ultimi tempi, è emerso come contesto particolarmente attrattivo e in continuo fermento per lo sviluppo di iniziative con una forte impronta imprenditoriale e innovativa.
La città di Torino si sta, infatti, distinguendo a livello locale e globale per lo sviluppo di innovazioni concrete e sostenibili, grazie alle sue risorse territoriali produttive, culturali ed educative e alla tradizione storica, politica ed economica che da sempre hanno caratterizzato il territorio come un luogo di creazione.
Il ruolo dell’innovazione della città, riconosciuto anche a livello mondiale (Torino è infatti stata insignita del titolo di seconda capitale d’Europa dell’Innovazione ai iCapital 2016 – European Capital of Innovation 2016), sta creando un nuovo polo strategico che si sta affiancando a quelli dell’industria, della cultura e del turismo.
Questo si sta verificando grazie a una propensione al cambiamento del territorio torinese che ha saputo diversificare le proprie vocazioni storiche e trasformare radicalmente il proprio DNA, ridisegnando il suo futuro e concentrandosi sui settori produttivi ad alto contenuto di conoscenza.
Una tendenza che si è concretizzata anche con iniziative di innovazione e sviluppo nel settore del cibo, aprendo la strada a importanti iniziative pubbliche e private.
Attraverso tali progetti, il cibo viene indagato nelle sue più diverse caratteristiche, da fonte di benessere a elemento simbolico-identitario, da veicolo di incontro tra culture differenti a indicatore della qualità della vita, mantenendo l’importante valenza economica locale e internazionale nonché vettore di inclusione sociale e promotore di una visione maggiormente innovativa e sostenibile.
Come emerge dall’infografica che segue e che propone una prima – certamente non esaustiva – raccolta di iniziative locali condotta dall’Innovation Design Lab, in questo campo Torino annovera la partecipazione di diversi attori innovativi coinvolti nella filiera del cibo a più livelli, da quelli della produzione alla distribuzione, dalla ricerca universitaria alla formazione, dal panorama delle associazioni, alle startup fino alle aziende internazionali. All’interno di questi progetti gioca un ruolo di primo piano non solo l’aspetto più strettamente tecnologico (legato alle ICT, alle sensoristica,etc) ma soprattutto un approccio esplicitamente teso a un’innovazione di tipo sociale, in grado di riconoscere i bisogni locali e fornire loro una risposta, rafforzando e riproducendo il capitale umano e sociale.
Le azioni sviluppate all’interno di queste progettualità stanno supportando e implementando iniziative di innovazione a 360 gradi, trasformando un’opportunità in una vero e proprio vettore strategico di sviluppo economico e sociale a livello locale.

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*