La refezione scolastica nella Città Metropolitana di Torino  

in RAPPORT0 2017 by

Le mense scolastiche rappresentano un importante strumento di intervento sui sistemi alimentari delle città, per diverse ragioni: perché attraverso una domanda generalmente strutturata possono orientare il mercato e la produzione, ma anche perché attraverso il pasto pubblico è possibile intervenire sulla salute dei giovani utenti e veicolare messaggi di educazione alimentare.

Nell’anno scolastico 2014-2015, 257 comuni (su 315 totali) hanno una struttura scolastica. Di questi, 254 hanno offerto ai loro studenti il servizio mensa, coinvolgendo 1321 scuole, per un totale di circa 20 milioni di pasti all’anno. Considerato un costo medio del pasto a base d’asta di 4.72 euro, il valore annuo degli appalti delle ristorazione scolastica metropolitana, per il 2014/2015, si è aggirato sui 90 milioni di euro.
La quasi totalità dei comuni analizzati (218, cioè l’86% del totale) ha scelto l’esternalizzazione del servizio, che prevede il suo affidamento mediante appalto pubblico a soggetti terzi secondo il principio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. 148 comuni (il 58% del totale) hanno scelto di affidare l’incarico ad aziende di ristorazione. Nel restante 42%, che corrisponde soprattutto a piccoli comuni, il servizio è affidato a realtà diverse come hotel e ristoranti, mense di enti religiosi, di scuole parificate e residenze per anziani, cooperative sociali. La gestione diretta, che implica al contrario il mantenimento all’interno della struttura appaltante dell’intera filiera della ristorazione, è presente solo in 2 comuni di dimensioni relativamente ridotte.

Tabella: Azioni per la sostenibilità ambientale, economica e sociale delle mense scolastiche

PRODUZIONE DISTRIBUZIONE CONSUMO POST-CONSUMO
DIMENSIONE AMBIENTALE  agricoltura biologica

lotta integrata

mezzi di trasporto ecologici

piano logistico ottimizzato

Stovigliato riutilizzabile;
Acqua da rete idrica
Detergenti ecologici
No monoporzioni
Sacchetti biodegradabili
Packaging ecologico
Cucine a basso impatto
Progetti di educazione alimentare sul tema della sostenibilità ecologica
Monitoraggio scarti
Raccolta differenziata
DIMENSIONE ECONOMICA Prodotti locali Impiego di personale locale
DIMENSIONE SOCIALE Equo-solidale
Agricoltura sociale
Redistribuzione delle eccedenze

 

La tabella riporta le azioni finalizzate a incrementare la sostenibilità del servizio, in termini ambientali, sociali ed economici. Da un’analisi effettuata attraverso la somministrazione di questionari e lo studio dei documenti di appalto (capitolati e tabelle merceologiche) si evidenzia il ricorso ad azioni di tipo ambientale, come la raccolta differenziata, l’uso di stovigliato riutilizzabile, di acqua potabile e detergenti ecologici, il monitoraggio degli scarti. Più rara, anche in relazione ai costi, la scelta di mezzi ecologici e di cucine a basso impatto. Per quanto concerne l’utilizzo di prodotti da agricoltura biologica, il 77% dei comuni inserisce il biologico come criterio di premialità. Tuttavia, il numero di derrate biologiche richieste è generalmente molto basso (il 75% dei comuni richiede da una a tre derrate sulle 13 analizzate).
Su 190 comuni analizzati in merito alla presenza di criteri legati alla provenienza dei prodotti, il 90% dei comuni indica una provenienza ma il 76% introduce il livello nazionale, il 14% il livello regionale e solo il 10% indica una provenienza locale.
Scarsa la presenza di criteri di sostenibilità sociale: solo il 10 % dei comuni indica l’utilizzo di prodotti equosolidali e il recupero delle eccedenze come prerequisito, mentre l’agricoltura sociale è menzionata da soli 9 comuni.

 

Distribuzione del servizio scolastico in Città Metropolitana (anno scolastico 2014-2015)

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

venti + 20 =

Latest from RAPPORT0 2017

Go to Top