Toward the Turin Food Policy. Good Practices and Visions

in PRATICHE by

All’interno del progetto Food Smart Cities for Development Giacomo Pettenati e Alessia Toldo, insieme a Maria Bottiglieri, dirigente del Settore Cooperazione Internazionale e Pace del Comune di Torino, hanno condotto un primo esercizio di mappatura di esperienze virtuose, fra politiche, progetti e pratiche, di tipo istituzionale ma anche di natura marcatamente bottom up, localizzate principalmente all’interno della città di Torino. La mappatura è stata presentata all’interno di una pubblicazione, scaricabile gratuitamente come ebook dal sito di FrancoAngeli (qui il link) che raccoglie anche scritti di altri autori, che riflettono sulle visioni per una futura politica del cibo della città. Il volume è chiuso da uno scritto di Wayne Robert, storico attivista sui temi delle food policies e Direttore del Toronto Food Policy Council dal 2000 al 2012, che propone una serie di riflessioni sulle potenzialità di Torino Metropolitana rispetto ai temi della pianificazione alimentare.

La mappatura delle pratiche, seppur senza pretesa di esaustività (sarà presto disponibile una versione italiana della pubblicazione, con un aggiornamento di una ventina di pratiche) rappresenta un esercizio tanto importante quanto strategico, non solo perché ha aggiunto un tassello in termini di conoscenza e rappresentazioni del sistema alimentare urbano; ma anche perché è stata una buona occasione di dialogo e confronto fra i suoi diversi soggetti, contribuendo potenzialmente a orientare la governance alimentare della città verso un orizzonte di maggiore integrazione, partecipazione e sostenibilità.

La schedatura restituisce un panorama ricco e variegato, segno di un grande interesse e coinvolgimento sui temi del cibo nelle sue varie dimensioni (ambientale, sociale, culturale, economica, ecc.). Una prima analisi tematica, a cui ne stanno seguendo altre legate alla natura dei soggetti, dei territori coinvolti, dei rapporti con le istituzioni, etc…) mostra un primo gruppo che tratteggia l’evoluzione della governance alimentare urbana attraverso la schedatura dei già citati processi e delle progettualità europee di più ampio respiro (fra cui i progetti Torino Smile, Torino Capitale el Cibo, Nutrire Torino Metropolitana).

Nel secondo, invece, vengono presentate quelle esperienze che, pur perseguendo finalità commerciali, si collocano all’interno di una logica più sistemica di promozione e sostenibilità del ciclo alimentare, non solo in termini economici, ma  anche ambientali e sociali. In quest’ottica sono state censite pratiche come quelle degli alternative food networks (i Farmer’s Market, i Gruppi di Acquisto Solidali), ma anche proposte istituzionali e non per la (ri)costruzione e valorizzazione del rapporto fra prodotti locali e territorio e fra produttori locali e consumatori.

Il terzo gruppo raccoglie le progettualità accomunate da obiettivi espliciti di sostenibilità ambientale, in particolare per quanto concerne l’utilizzo agricolo degli spazi verdi, urbani e periurbani, fortemente promosso ed esplicitamente sostenuto dalla pubblica amministrazio­ne attraverso progetti puntuali (gli orti urbani, circoscrizionali, gli orti sociali, ecc.) ma anche iniziative più sistematiche, come il progetto Torino Città da Coltivare.

Il quarto è dedicato alle progettualità di cooperazione internazionale allo svi­luppo sui temi della sicurezza alimentare e del diritto al cibo. La seconda concerne invece la dimensione culturale del cibo, compresi gli eventi che contribuiscono a consolidare l’immagine (esterna e interna) di Torino città del cibo (basti pensare a Terra Madre-Salone del Gusto).

Il quinto ripropone solo alcune delle attività ordi­narie e delle iniziative più puntuali che vedono coinvolti sul tema più ampio del cibo e dell’alimentazione i due atenei (Politecnico e Università) e i tanti centri di ricerca. Questa mappatura di esperienze virtuose è stata un esercizio tanto importante quanto strategico, non solo perché ha aggiunto un tassello in termini di conoscenza e rappresentazioni, seppur non esaustive, del sistema alimentare urbano; ma an­che perché è stata una buona occasione di dialogo e confronto fra i suoi diversi soggetti, contribuendo così a orientare la governance alimentare della città verso un orizzonte di maggiore integrazione, partecipazione e sostenibilità.

Inoltre, il censimento delle pratiche mo­stra la loro generale antecedenza rispetto ai processi di food policy e rivela un tessuto sociale e culturale pronto e maturo per essere coinvolto in una strategia più complessa e strutturata.

In questo senso, se l’obiettivo più importante, allo stato attuale, è far convergere e dialogare pratiche e processi, nonostante scale e micro-finalità differenti, la domanda più cruciale riguarda il territorio pertinente a questa azione di governance: qual è la scala giusta su cui agire? La città, la Città metropolitana? L’area dei comuni metropolitani più prossimi a Torino? E come intrecciare queste diverse scale?
Infine, in questo elenco di questioni aperte non può mancare la necessità di interrogarsi sulle forme di legittimazione dei processi e sui canali di dialogo e azione fra le istituzioni e i decision maker, il possibile soggetto di riferimento delle urban food policy (Food Council o Food Commission) e gli attori del sistema, in un’ottica di costruzione di nuove forme di dialogo tra rappresentanza istituzionale e competenze.

 

Per approfondimenti
Bottiglieri M., Pettenati G., Toldo A., 2016, Toward Turin Food Policy. Good Practices and Visions. Milano: FrancoAngeli.
Bottiglieri M., Pettenati G. , Toldo A., 2016,  Verso la Food Policy di Torino: processi e buone pratiche, Territorio, 79, pp. 27-29, ISSN 1825-8689

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*